Aloe

 

L'aloe è una pianta succulenta della famiglia delle Aloeaceae appartenente al genere Aloe. Cresce in climi caldi e secchi, coltivata in diversi stati europei quali Italia, Spagna e Grecia. Nell'Aloe sono presenti diverse sostanze funzionali tra cui: zuccheri complessi (in particolare glucomannani che si trovano nel gel trasparente interno, con proprietà immuno-stimolanti) ed antrachinoni (nella parte verde della foglia, ad essi è dovuta l’azione fortemente lassativa della pianta). L’aloe contiene altre sostanze come sali minerali, vitamine, aminoacidi, acidi organici, fosfolipidi, enzimi, lignine e saponine. È una pianta utilizzata in campo medico fin dal 2000 a.c., come testimoniano le scritture cuneiformi ritrovate nelle città mesopotamica di Nippur. L’aloe ha diverse azioni sul nostro organismo: stimola la crescita dell'epitelio sulle ferite, dissolve e assorbe enzimaticamente le cellule morte o danneggiate stimolando il processo rigenerativo delle stesse ferite, accompagna e aiuta a superare il processo infiammatorio, dà sollievo al bruciore da scottature, infiammazione e febbre, è idratante e favorisce la ritenzione di acqua nei tessuti della pelle, ostacola la crescita dei funghi, ostacola la replicazione dei virus e dei batteri, riduce la fuoriuscita di sangue nelle lesioni, dà sollievo nel prurito, aiuta la disintossicazione del corpo dalle impurità delle tossine, svolge un'azione lassativa. Sono in corso studi sull’attività antineoplastica.