Uva ursina

 

L'uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi) è un piccolo arbusto sempreverde appartenente alla famiglia delle Ericaceae, ha rami striscianti con foglie di colore verde scuro, il frutto è costituito da bacche di colore rosso. L'uva ursina cresce spontanea nell'Europa centrale e boreale. La parte di pianta utilizzata in fitoterapia è costituita dalle bacche, le quali contengono molecole funzionali come glicosidi, flavonoidi, tannini, ed un enzima, l'arbutinasi. I glicosidi fenolici, arbutina e metilarbutina, svolgono un'azione disinfettante delle vie urinarie e si attivano nella vescica dopo una metabolizzazione intestinale ed epatica. La commissione E tedesca raccomanda l'utilizzo dell'uva ursina per il trattamento degli stati infiammatori delle vie urinarie. L'uva ursina può provocare la colorazione scura dell'urina ed è controindicata in gravidanza. Essa viene usata anche in cosmesi, per sbiancare la pelle segnata dalle macchie scure comparse a seguito dell’esposizione solare. Secondo alcuni studi scientifici questa proprietà è data dalla capacità dell’uva ursina di inibire un enzima che converte la tiroxina in melanina. L’uva ursina è controindicata anche in caso di insufficienza epatica o renale ed andrebbe evitata l’associazione con alimenti o farmaci acidificanti che ne ridurrebbero l’effetto disinfettante.